mercoledì 26 luglio 2017

Parco Giovanni Paolo II di Bari, problemi mai risolti

Continuano a giungermi lamentele e segnalazioni di irregolarità che accadono all'interno del parco Giovanni Paolo II del quartiere San Paolo di Bari. Nello specifico, i cittadini segnalano la quasi totale assenza di cestini portarifiuti e spegnicicche nelle vicinanze di panchine e giochi per bambini e lamentano la problematica di persone in scooter che attraversano il parco, spesso con a bordo più di 2 persone e senza casco.
Eppure negli ultimi anni l’amministrazione Decaro/Spizzico aveva deciso di chiudere alcuni varchi del parco e di installare delle telecamere di videosorveglianza, forse proprio per impedire il transito dei motocicli e limitare eventuali rischi di scippi e irregolarità. Queste misure, solo in minima parte condivisibili, allo stato dei fatti risultano inefficienti, dato che il transito dei veicoli continua a verificarsi. Il quartiere San Paolo continua ad essere trattato quasi come un quartiere secondario, dove i baresi convivono con cinghiali, sporcizia inefficienza e maleducazione. Forse, se gli stessi problemi fossero accaduti al Parco 2 giugno, sarebbero stati presi urgenti provvedimenti per ripristinare la regolarità delle cose. In ogni caso, la proposta del Movimento 5 Stelle è quella di installare i cestini portarifiuti, riaprire i varchi del parco ed installare dei paletti dissuasori, così da impedire il transito di motori e scooter. La riapertura dei varchi inoltre consentirebbe anche ai cittadini di poter attraversare il parco per raggiungere rapidamente la fermata del pullman, ora maggiormente distante a causa del perimetro da percorrere. Il Movimento 5 Stelle chiede nuovamente alla maggioranza delle misure per ripristinare legalità nel quartiere.”

Davide De Lucia, portavoce del Movimento 5 Stelle al Municipio 3 di Bari






Dopo 10 anni di abbandono i primi interventi nei garage di Mungivacca grazie al Movimento 5 stelle!

Abbiamo appreso che da ieri mattina una squadra di addetti sta lavorando per rimuovere  i rifiuti abbandonati nei garage interrati di Mungivacca.
Al loro interno, come da noi segnalato e documentato, erano depositati anche arredi ed elettrodomestici oltre ad altri rifiuti non ben identificati. Saranno necessari alcuni giorni per rimuoverli.

Dopo più di 10 anni di abbandono da parte delle Istituzioni finalmente qualcosa si sta muovendo e si sta provvedendo al ripristino della sicurezza, del decoro e della salubrità dei luoghi.Successivamente bisognerà valutare i danni che gli immobili e gli impianti hanno subito.Auspichiamo che i garage siano quanto prima  messi in condizione di essere restituiti alla fruizione  collettiva.
Il Movimento 5 Stelle continuerà a vigilare sulla questione.

Alessandra Piergiovanna Simone
Portavoce M5S al Municipio 2 di Bari










giovedì 20 luglio 2017

Mungivacca, degrado nei garage costruiti grazie al piano di interventi di riqualificazione e mai assegnati in oltre 10 anni

A giugno 2004 fu avviato dal Comune di Bari e dall’ex IACP (Istituto Autonomo Case Popolari) oggi ARCA, un progetto denominato “Contratti di quartiere” che prevedeva un piano di interventi di riqualificazione e risanamento delle periferie.
Capofila del progetto era il quartiere di Mungivacca, (sarebbero poi stati interessati anche i quartieri di Japigia e San Girolamo), il progetto fu uno tra i 50 selezionati e finanziati dal Ministero delle Infastrutture ed era inserito nel piano più globale di interventi denominato "Programma integrato di riqualificazione e recupero urbano".
Il progetto prevedeva interventi specifici sulla viabilità, sugli immobili residenziali, sugli spazi esterni e pertinenziali, ovvero interventi di riqualificazione del verde e dell'arredo urbano, nonché la realizzazione di una piazza pedonale e di una quarantina di garage interrati.
A distanza di più di dieci anni dall’inizio dei lavori per la realizzazione del progetto, i garage non sono ancora stati consegnati e resi fruibili, durante questi lunghi anni di silenzio e abbandono, numerose sono state le richieste di informazioni e di interventi risolutivi che i residenti riferiscono di aver più volte inoltrato prima alla Ex VI Circoscrizione poi al Presidente del Municipio 2.
Ad oggi, nessun intervento o sopralluogo è stato effettuato, ai residenti non resta che assistere inermi al degrado degli immobili.
Nel frattempo, nonostante la presenza di alcune transenne, i garage sono stati più volte vandalizzati e sono diventati un deposito per rifiuti di vario genere e rappresentano un pericolo costante per i residenti, sia sul fronte igienico sanitario, sia su quello della sicurezza, soprattutto dei più piccoli, poiché all’interno dei garage, ormai accessibili a chiunque, sono presenti cavi elettrici scoperti e ascensori danneggiati.
La Portavoce M5S al Municipio 2, Alessandra Simone, ha inviato una nota al Direttore di ARCA Puglia, l’Avv. Sabino Lupelli, al Direttore della Ripartizione Patrimonio Maurizio Montalto e al neo Assessore al Patrimonio Pierluigi Introna, al fine di conoscere i motivi per i quali i garage sotterranei non sono ancora fruibili, ha chiesto, inoltre, di provvedere con urgenza ad effettuare un sopralluogo al fine di verificare lo stato dei luoghi, dell’impianto elettrico e degli accessi e di mettere quest’ultimi in sicurezza inibendo ulteriori incursioni e atti vandalici a danno degli immobili, nonché di provvedere alla rimozione dei rifiuti di vario genere ivi presenti.


Alessandra Simone, Portavoce del Movimento 5 Stelle al Municipio 2 di Bari












mercoledì 19 luglio 2017

IL MOVIMENTO 5 STELLE BARI RICORDA LE VITTIME DI MAFIA

Oggi, 19 luglio, dalle ore 10:30 presso il Parco Giovanni Paolo II al quartiere San Paolo, il Gruppo Consiliare al Comune di Bari del Movimento 5 Stelle, tutti i Consiglieri Municipali, i cittadini, gli attivisti e i simpatizzanti, daranno vita ad una cerimonia commemorativa per il 25esimo anniversario della strage di via D’Amelio a Palermo, dove furono barbaramente uccisi da un’autobomba il Giudice Paolo Borsellino ed i 5 agenti di scorta della Polizia di Stato, Emanuela Loi, Agostino Catalano, Eddie Walter Cosina, Vincenzo Li Muli e Claudio Traina, 60 giorni circa dopo la strage mafiosa di Capaci ove morirono il Giudice Falcone, la Dott.ssa Morvillo e la loro scorta. La commemorazione culminerà con la messa a dimora di alcuni alberi nel Parco barese, acquistati con le ritenute che i Consiglieri Comunali e Municipali di Bari applicano volontariamente ai propri emolumenti percepiti per la loro carica. Si terrà poi una agorà dei portavoce M5S Comunali e Municipali.
In serata i Consiglieri e gli attivisti parteciperanno alla fiaccolata civica che si muoverà dalla Questura di Bari alle ore 19.30, con arrivo previsto presso il Fortino (Muraglia), per un ultimo ricordo delle vittime delle stragi di mafia e l'agorà dei portavoce. Ospite Rosa Barone, portavoce M5S Regione Puglia e presidente della Commissione Antimafia regionale.
In questa maniera il Movimento 5 Stelle di Bari si fa carico del “Dovere della Memoria” testimoniando che illegalità e criminalità non avranno spazio.
EVENTO FACEBOOK: https://www.facebook.com/events/1519214371468628





martedì 11 luglio 2017

Mercato di Santa Scolastica, richiesta fontana acqua pubblica

Durante l'estate il giardino situato all'interno del mercato di "Santa Scolastica" é molto frequentato da famiglie con bambini e anziani. Il giardino, pur essendo in discrete condizioni, purtroppo manca di una fontanella che in molti hanno richiesto e che tornerebbe utile soprattutto durante i mesi estivi. Il M5S ha accolto tale richiesta e pertanto ha provveduto, durante un incontro avvenuto presso il Municipio2 con l'Assessore Galasso, a richiederne l'installazione.
L'acqua é un bene comune e sarebbe opportuno che in ogni giardino o luogo di aggregazione fossero presenti delle fontanelle al fine di ridurre il consumo di acqua in bottiglia e garantire a tutti la possibilità di avere accesso all'acqua pubblica. Inoltre, abbiamo richiesto nuovamente l'installazione dei servizi igienici nel giardino "Villa Camomilla" e di verificare lo stato delle telecamere e dell'illuminazione ivi presente.

Alessandra Simone 
Portavoce al Municipio 2 di Bari