sabato 23 dicembre 2017

Scoperti 200.000 euro destinati al Municipio 4 e mai utilizzati che torneranno nelle casse del Comune.

"Spesso chiediamo quale sia il ruolo del Municipio nella città.
Ci sforziamo di dare una risposta concreta con le nostre azioni e proposte, avendo ben chiara l’idea di Municipio aperto e trasparente.
Lo scorso giovedì i tecnici del Comune hanno illustrato in un incontro pubblico (come al solito non ben pubblicizzato, comunicato all’ultimo momento e fissato ad un orario che non consente la partecipazione dei cittadini) il Rendiconto di Gestione dell’Esercizio Finanziario 2016.

Dai dati è risultato il Municipio 4, in percentuale, il capofila nel non impiegare tutti i fondi stanziati per la gestione.
Infatti sono emersi circa 200.000 euro NON UTILIZZATI che torneranno indietro nelle casse del COMUNE.

E mentre si tengono in piedi passeggiate del PUG, Urban Center, Bilancio Partecipato (?), Giunte territoriali non regolamentate, che non realizzano quanto chiesto dai cittadini, perchè decidono loro e "non ci sono fondi", scopriamo che ci sono 200.000 euro mai utilizzati di cui NESSUNO dei Consiglieri di Maggioranza (pare) e Minoranza era a conoscenza.
Alla faccia della trasparenza e dell' #insiemesipuò, che si conferma ancora una volta un hashtag vuoto di significato creato da una poltica 2.0 fatta solo di selfie.

Ma ci chiediamo il Presidente del Municipio sapeva di questi fondi? Possibile che NESSUNO sapeva della loro esistenza fino a giovedì? In un Municipio in cui manca tutto non vengono impiegati 200.000 euro con tanta leggerezza?

Davanti a questa drammatica situazione politico-amministrativa, il Consiglio continua ad essere chiamato ad esprimere la propria volontà su pochi spiccioli o su pareri (non vincolanti!), limitandosi ad essere "passacarte del Comune" e non ad agire sui tanti problemi presenti.
Questa non è la nostra idea di Amministrazione, non è la nostra idea di politica condivisa e attenta alle richieste dei cittadini, e ci auguriamo che si torni al voto il più presto possibile per garantire un futuro a questo territorio abbandonato."

Portavoce Consigliere #M5S al #Municipio4 di #Bari
Vito Saliano


lunedì 18 dicembre 2017

Quando sarà pulita Lamasinata a San Girolamo?

L’amministrazione di Antonio Decaro ha fatto partire la raccolta differenziata qui a San Girolamo da un paio di giorni, ma i rifiuti giacenti nel famoso “Canalone” (Lamasinata), segnalati dal Movimento 5 Stelle oltre un anno fa, non sono ancora stati del tutto rimossi.
Ebbene si, ai cittadini viene chiesto di impegnarsi per mantenere pulita la città, ma poi l’Amministrazione non sembra dare il buon esempio, ancor di più in zone come questa dove sono presenti attività commerciali e palazzine residenziali.
Dirò di più: questa mattina (17 dicembre 2017), recandomi in sopralluogo, ho intravisto fra i rifiuti anche un cartello con la dicitura “Assessorato al Turismo”. Ovviamente non bisogna dare per scontata la riconducibilità di questo cartello al Comune di Bari, potrebbe provenire da altri enti o essere un plagio, ma di sicuro il cartello spicca tra la sporcizia abbandonata in una zona che merita di essere ripulita al più presto.
Mi rivolgo direttamente al Sindaco che circa due anni fa scriveva su facebook “Vorrei che ogni barese si impegnasse a tenere pulita la nostra città “, bene, mi preme far sapere al Sindaco che io e gli attivisti del Movimento 5 Stelle siamo molto sensibili all’ambiente e all’igiene urbana e segnaliamo all'amministrazione tantissime zone che necessitano di intervento e pulizia (zone che vanno dalle campagne di Carbonara e Ceglie fino a via Ascianghi), ma in queste aree segnalate non vediamo quasi mai serie iniziative di prevenzione e riqualificazione.
Eppure la soluzione da attuare qui a San Girolamo sarebbe davvero semplice: il Sindaco dovrebbe far pulire la Lamasinata individuando l’ente o la società partecipata competente e, successivamente, far installare delle telecamere di videosorveglianza così da poter sanzionare i futuri sporcaccioni. Natale è vicino, regaliamo ai cittadini un quartiere pulito.

Davide De Lucia, Movimento 5 Stelle
Città di Bari – Municipio 3








giovedì 14 dicembre 2017

MUNICIPIO 2 IN PERENNE AFFANNO

E’ ormai consuetudine per il Municipio 2 convocare Consigli d’urgenza e deliberare su proposte progettuali o linee programmatiche che richiedono un’attuazione immediata, soprattutto quando si delibera su fondi municipali che bisogna necessariamente impegnare entro fine anno, come ad esempio quelli destinati ai progetti sociali (che si ripetono ogni anno) o alla cultura.
Questa “brutta abitudine” ormai fa si che l’urgenza sia la normalità, il che produce due spiacevoli conseguenze: non garantisce agli uffici di lavorare con serenità gravando sulle già esigue risorse di personale, e non facilita la partecipazione agli eventuali bandi o avvisi pubblici da parte degli interessati.
Un chiaro esempio si è consumato durante questi ultimi consigli, allorquando in data 21 novembre il Consiglio ha deliberato, d’urgenza, sull’utilizzo dei fondi per le “Manifestazioni Natalizie”.
Anche quest’anno, durante la discussione, il M5S aveva evidenziato il notevole ritardo nell’approvazione della delibera, ritardo che, a nostro avviso, avrebbe pregiudicato il buon esito del bando. Infatti lo stesso è andato deserto e non è stato assegnato nonostante la proposta, in seconda battuta, di un affidamento diretto.
Per questo motivo, a distanza di tre settimane, il consiglio municipale si è riunito nuovamente d’urgenza per deliberare su un altro progetto presentato in extremis da una associazione il 12 dicembre, al fine di assicurare ai residenti del Municipio 2 un po' di aria natalizia.
Stesso destino è toccato al “Regolamento sul funzionamento del Consiglio e delle Commissioni” già elaborato dalla competente commissione speciale istituita nel 2016 e che finalmente è stato approvato dopo più di un anno a seguito di qualche osservazione.
“Ritardi inaccettabili e ingiustificabili” - secondo i consiglieri Alessandra Simone e Claudio Carone - “che denotano un malessere nelle gestione politica dei Municipio, dei fondi già insufficienti e dei servizi offerti alla cittadinanza, oltre ad una totale mancanza di comunicazione e sinergia tra Municipio e Comune nella realizzazione degli eventi”.

I Portavoce al Municipio 2
Alessandra Piergiovanna Simone e Claudio Carone








lunedì 11 dicembre 2017

Decaro, Petruzzelli e Romano, l'esercito del selfie! Dopo gli scatti il PEBA!


Apprendiamo dai media locali di alcune foto che ritraggono il Sindaco Decaro, l'Assessore Petruzzelli e l'Assessore Romano ben sorridenti ed intenti a "testare l'accessibilità e la presenza di barriere architettoniche" su alcune strade baresi (anche se le foto ritraggono solo via Sparano), in carrozzina i primi due e bendata la terza.

Il 29 luglio 2015 (vedi articolo) noi del M5S senza alcun selfie ma semplicemente accogliendo le richieste pervenute da numerosi cittadini con difficoltà motorie ed esaminando la nota pervenuta al Comune in data 13/05/2015 dalla Società Italiana Disability Manager con protocollo 113881-II-1 ed avente oggetto “Adozione  dei  piani  per  l' abbattimento delle barriere architettoniche  nel Comune di Bari", depositavamo apposito Ordine del Giorno che impegnava l'Amministrazione ad avviare immediatamente ogni attività necessaria a giungere all’adozione del Piano di Eliminazione delle Barriere Architettoniche e Piano di Accessibilità Urbana.

Ad oggi non vi è traccia di nulla (pochi gli incontri ufficiali sul tema) e non risultano atti relativi ad una concreta azione amministrativa. Dopo 14 anni di amministrazione di centrosinistra risultano davvero poco commentabili questi teatrini, anzi appaiono offensivi nei confronti di chi, da tempo immemore, attende una città (tutta) accessibile e priva di barriere architettoniche!

Per questo motivo riportiamo quanto già presente nell'Ordine del Giorno approvato dall'amministrazione Decaro ed invitiamo la stessa ad impiegare il proprio tempo in meno scatti e più azioni concrete!

Dall'OdG e dal post del 2015:

Forse l'Amministrazione non sa che con l’entrata in vigore in Italia della Convenzione ONU nel 2006, sui diritti delle persone con disabilità, divenuta legge italiana  in data 3 marzo 2009, il diritto alla mobilità si è qualificato ulteriormente come diritto all’accessibilità.

Gli interventi eseguiti dall' A.C. nella città di Bari  sono stati realizzati  in modo episodico e il più delle volte non conformi  alla sicurezza e ad una  adeguata funzionalità , creando disagi per la sicurezza di tutti

I Piani di Eliminazione delle Barriere Architettoniche  così detti “PEBA”, sono specifici strumenti di gestione e pianificazione urbanistica previsti dalla legge finanziaria del 1986. oltre ad essere, se correttamente applicati ed eseguiti,  strumenti basilari per garantire la certezza al diritto di mobilità e accessibilità, nonché, al riconoscimento della dignità di tutti.

La città di Bari non si è  ancora dotata di  alcun piano per l'abbattimento delle barriere architettoniche al fine di garantire la sicurezza, l’autonomia, la non discriminazione delle fasce  più deboli della comunità cittadina.

In caso di inadempimento, ai sensi dell'art. 4 comma 3 della  Legge n. 67 del 2006, "Misure per la tutela giudiziaria delle persone con disabilità vittime di discriminazioni": “ Le associazioni e gli enti di cui al comma 1 sono altresì legittimati ad agire, in relazione ai comportamenti discriminatori di cui ai commi 2 e 3 dell'articolo 2, quando questi assumano carattere collettivo.

Per queste motivazioni il M5S ha presentato Ordine del Giorno che impegna l'Amministrazione ad avviare immediatamente ogni attività necessaria a giungere all’adozione del Piano di Eliminazione delle Barriere Architettoniche e Piano di Accessibilità Urbana.

I Portavoce del M5S Bari





CENA A 5 STELLE DI AUTOFINANZIAMENTO 18.12.2017

Anche a Bari le attività del Movimento 5 Stelle aumentano, e con esse crescono anche i costi per la produzione di documentazione, le prenotazioni di sale congressi per eventi, la stampa dei volantini informativi, i noleggi di luci e palchi per grandi eventi in pubblica piazza, ecc… tutto questo ha appunto un costo, fino ad oggi coperto principalmente grazie all’autotassazione tra attivisti.
Tramite questa cena però vogliamo raccogliere un maggior numero di fondi, necessari per poter coprire le spese delle attività sul territorio, così da aumentare anche la comunicazione ai cittadini e creare consapevolezza nei baresi, informandoli su cosa svolge il Movimento 5 Stelle in città.
Vi aspettiamo a Bari, lunedì 18 dicembre 2017 alle ore 20:30 in via Marco Partipilo n.62 presso il ristopub "Birrbante", dove si svolgerà appunto una cena a 5 stelle di autofinanziamento, un modo per raccogliere donazioni, conoscersi e scambiarsi gli auguri in vista delle festività natalizie.
Contributo richiesto di Euro 15 (comprensivo di donazione), con menù di olive e bruschettine, una pizza a scelta, dolcetti natalizi e una bevanda.
Per prenotazioni, si prega di inviare messaggio privato su facebook alla portavoce ALESSANDRA SIMONE, OPPURE inviare un messaggio whatsapp al numero 366 45 74 819. Locale adatto anche a vegetariani, posti limitati e prenotabili fino ad esaurimento. VI ASPETTIAMO, PASSATEPAROLA!

Movimento 5 Stelle BARI